Erica Mou, il nuovo album “Contro le onde” è prodotto da Boosta. L’intervista.

Erica Mou, il nuovo album “Contro le onde” è prodotto da Boosta. L’intervista.

“Volevo toglierle la chitarra da davanti e farla alzare a cantare”. Così Boosta (Subsonica) spiega l’approccio con cui ha affrontato la produzione di “Contro le onde”, nuovo album di Erica Mou. I due hanno incontrato la stampa in un ristorante milanese modern-chic, ma fortunatamente l’atmosfera era del tutto rilassata: anzi, la Mou ha scherzato facendo la “pianobarista” mentre i giornalisti assaggiavano i piatti usciti dalla cucina.
Mou: “Ci ha legati la comune origine pugliese: lui di Barletta, io di Bisceglie. I Subsonica sono il gruppo che in assoluto ho visto suonare dal vivo più volte, e una delle tre band di cui possiedo una T-shirt – le altre due sono gli Iron Maiden e i Guns N’Roses” (ma dai?!).
Boosta, rilassato e divertito, ha spiegato: “Mi è piaciuto produrre il disco di Erica. Avevo di lei l’idea che probabilmente si sono fatta tutti: talentuosa, matura e intimista. Tutto vero, ma ho scoperto che è anche e semplicemente una ragazza di 23 anni, che deve avere la voglia e la possibilità di sperimentare e rischiare” (“Non volevo restare nella mia zona sicura” conferma lei).
Erica e Boosta hanno lavorato a Torino, cominciando nello scorso settembre. Erica: “Lui ha suonato tutti gli strumenti”. Boosta: “E intanto lei faceva l’assistente di studio, mi aiutava e preparava anche il tè”.
La coppia ha scritto insieme due delle canzoni del Cd, “Non dormo mai” e “Il ritmo (Frequenza obbligatoria)” – “Non mi è stato facile scrivere con un’altra persona, per me era una novità, e ne sono uscita arricchita”, chiosa Erica - , le altre sono tutte composizioni della Mou.
“La prima che ho portato, quella che in un certo senso fa da trait d’union fra la Mou ‘pre-Boosta’ e la Mou ‘con Boosta’, è stata ‘Infiltrazioni’” informa Erica, che rivendica: “Non rinnego niente del prima, ma in questo spazio sonoro nuovo mi trovo a mio agio”. E Boosta sottolinea: “Badate che la produzione si è ampiamente servita di strumenti naturali; l’unico vero pezzo elettronico è ‘Il ritmo (Frequenza obbligatoria)’, che ammicca agli anni Ottanta e a una certa idea che ho io di Giuni Russo”.
E dal vivo? “Non sarà difficile riproporre le canzoni di ‘Contro le onde’ in concerto. Suonerò con una band e ne sono felice, perché sul palco stavo cominciando a soffrire di solitudine. Sarà tutto live, non ci saranno sequenze. E poi io credo che le canzoni dal vivo non debbano essere necessariamente uguali a come sono sul disco. Una promessa a Boosta la faccio: canterò in piedi!”. Cominciando da venerdì 31 maggio, a Bari.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.