NEWS   |   Recensioni concerti / 27/05/2013

Primavera Sound, Barcellona: il report di sabato

Primavera Sound, Barcellona: il report di sabato

 

 

Alla fine non ha piovuto, ma c'era un vento a trenta gradi sotto zero che a tratti come raffiche di mitra disintegrava i cumuli di barbe. I veterani del Primavera dicono di non aver mai subito un tempo simile e, al terzo giorno, il freddo iniziava un po' a influire sui piani e di conseguenza sull'umore. Ma non ha piovuto, quindi il dito medio verso i festival inglesi possiamo ancora tenerlo alzato. Per questione di gusti musicali, il terzo giorno si presenta per me meno ricco dei precedenti, ma mi tolgo comunque delle belle soddisfazioni. La prima è vedere Apparat in teatro.
Su Twitter, qualche tempo fa, l'artista tedesco si lamentava delle lamentele ricevute perché a volte chi va a vederlo dal vivo si aspetta un DJ set e si ritrova i violini. Il suo svantaggio è essere un nome che molti ancora collegano solo all'elettronica che si balla; il suo vantaggio è la versatilità, il saper passare da Modeselektor a Gianna Nannini senza perdere un briciolo di dignità. Al Primavera Sound propone Krieg und Frieden, musica commissionata da un festival tedesco per una rappresentazione di, appunto, Guerra e pace. Addio lulz, stasera ci tocca un po' di cultura.
Il concerto si tiene nell'Auditori Rockdelux e assistervi significa estraniarsi per un'ora dall'atmosfera festivaliera, sedersi al chiuso e fare le personcine a modo. Lo spettacolo si compone di due parti (40 minuti ininterrotti e poi ancora una quindicina) in cui l'artista, accompagnato da un violino e un violoncello, suona, smanetta e addirittura canta. La sua voce (intonata e sempre adeguata, ma non da cantante professionista) è l'unica, piccola critica che si può muovere a questa pièce. È di grande effetto anche l'aspetto visivo: un gruppo di artisti chiamato Transforma siede in un angolo del palco giocando con diversi materiali (terra, carta, corda…) e il tutto viene ingrandito e ri-proiettato in diretta sullo sfondo. Accanto a me sedeva un tizio con la maglietta degli Iron Maiden e credo che a un certo punto abbia versato qualche lacrima. Va' tranquillo, tizio con la maglietta degli Iron Maiden, il tuo segreto è al sicuro con me.
Toh, i Crystal Castles, un gruppo che non vedevo dal loro esordio e che riesce perfino a farmi venire nostalgia di MySpace. Non che siano cambiati molto dal 2008, eh, ma è incredibile come un gruppo nato dalle ceneri dell'electroclash riesca ancora oggi ad avere un pubblico così trasversale da garantire loro l'accesso a festival in cui, musicalmente, non c'entrano molto. Il trucco è sempre lo stesso: Alice lancia urla disperate o sussurra con filtri robotici, e il concerto è una sequenza uniforme di canzoni molto simili tra loro in cui spiccano solo i due singoli storici ("Alice practice", "Crimewave") e "Not in love" (che senza Robert Smith quasi non ha senso). Eppure, la formula è così collaudata che funziona, soprattutto per chi ha voglia di ballare un'ora sotto il bellissimo palco Ray-Ban – magari pensando a quanto eravamo ingenui ai tempi di MySpace.
L'ultimo concerto (escludendo qualche DJ set per gli insonni più ostinati) spetta ai Hot Chip. Non potrebbe esserci conclusione più azzeccata: il gruppo è forse il nome più pop del cartellone e, in una serata di cupi headliner (Nick Cave, My Bloody Valentine), la loro spensieratezza è molto gradita. Io che li vedo per la prima volta, mi accorgo improvvisamente della quantità di singoloni pazzeschi che hanno tirato fuori negli anni e di come nessuno resti indifferente ai loro ritornelli ossessivi e un po' cretini ("Do it do it do it do it do it now", "Over and over and over and over", "Night and day night and day..."). Non è un concerto indimenticabile e la voce e la presenza scenica di Alexis Taylor non sono sempre all'altezza del numero di persone che devono intrattenere, ma ci si diverte moltissimo e si usano tutte le poche energie rimaste per gli ultimi minuti dell'edizione 2013.
Per il 2014 è stato annunciato (su un megaschermo nell'attesa del concerto di Nick Cave) il primo gruppo headliner: Neutral Milk Hotel. L'indifferenza generale attorno a me al momento della rivelazione lascia forse intendere che gli organizzatori non dovrebbero puntare troppo su un'altra reunion come attrattiva principale. Ma è anche vero che un cartellone come il Primavera, nell'Europa continentale, non ce l'ha nessuno e si può benissimo vivere un bel festival evitando tanti grossi nomi. Non credo ci sia un'altra persona ad aver visto il mio stesso Primavera e la mia stessa combinazione di artisti, e il fatto che i palchi non siano divisi per genere permette di avere accanto un pubblico sempre diverso e tendenzialmente onnivoro. Ci si vede l'anno prossimo. Non vedo l'ora di intasarvi nuovamente il feed con foto della ruota panoramica.

Scheda artista Tour&Concerti
Testi