UK, il musical su 'X Factor' è intitolato 'Non so cantare'

UK, il musical su 'X Factor' è intitolato 'Non so cantare'

Mostrando un invidiabile senso dell'umorismo, oppure - secondo i cinici - volendo poter contare su un titolo ad effetto, in Gran Bretagna un nuovo musical che sarà dedicato alla locale edizione di "X Factor" è stato battezzato "I can't sing". Scritto dal cabarettista e comico Harry Hill, nato a Woking in Surrey come Paul Weller, "I can't sing" è una produzione da 6 milioni di sterline che sbarcherà al Palladium di Londra dal marzo 2014. Il musical del West End, che in origine era stato intitolato "It's time to face the musical", è basato - ovviamente oltre allo stesso "X Factor" - sui giudici dell'ultima edizione e anche sul boss Simon Cowell. "Era da un po' di tempo che stavamo ruminando sul titolo", ha detto Hill, non parente del comico Benny Hill, "poi improvvisamente è arrivata l'illuminazione. Non c'è mai stato un musical intitolato 'Non so cantare'. 'I can't sing' è anche una delle canzoni più simpatiche dello show, speriamo che farà intendere la direzione che stiamo prendendo con questa produzione. Credo inoltre che sia il solo musical mai esistito con un gobbo canterino, un cane che parla e un uomo in un polmone d'acciaio, certo che per esserne sicuro dovrei controllare su Google. In ogni caso sono certo: è una cosa mai vista". Sebbene allo show manchino dieci mesi, i biglietti sono già in vendita. Ma gli oggetti della satira non si arrabbieranno? Pare di no, anzi Cowell











 è andato a vedere i primi provini e pare si sia divertito un sacco. Il musical offrirà diciannove canzoni scritte ad hoc. Musiche di Steve Brown, vincitore del premio "Best musical" del quotidiano "Evening Standard"; dirige Sean Foley, vincitore di un Olivier Award.
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.