Tim Dog: ordine di arresto per simulazione di decesso

Tim Dog: ordine di arresto per simulazione di decesso

La vicenda della supposta morte simulata di Tim Dog si complica. Ora, infatti, dopo le rivelazioni di Esther Pilgrim secondo cui il rapper sarebbe vivo e vegeto, ad Atlanta (ma ben nascosto, per evitare di finire nei guai dopo avere truffato molte donne adescate online utilizzando un sito di incontri), si è messa in moto la macchina della giustizia.

E' stato quindi emesso un ordine di cattura per Tim Dog (all'anagrafe Timothy Blair), sospettato di avere simulato il proprio decesso per non ottemperare a un'ordinanza che lo obbligava a pagare i suoi debiti. Il pubblico ministero Steven Jubera si sta occupando del caso e ha detto: "Mi serve un certificato di morte che provi il suo decesso. Perché al momento, per quanto mi concerne, lui è vivo".
In effetti sembra che non ci sia traccia di certificato di morte che provi il decesso di Tim Dog, così come le circostanze della sua morte sono fumose.





Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.