Era Kelly e non il padre: i fan fischiano la figlia di Ozzy

Forse aveva fatto apposta l’emittente radiofonica di New York che, nel corso dello scorso fine settimana, aveva organizzato una breve apparizione di Ozzy Osbourne in un locale della città stessa. Forse uno scherzo, forse il tentativo d’avere molto pubblico. Il tentativo è stato premiato, perché la gente si è riversata nel locale pensando davvero di poter vedere ed ascoltare il Principe delle Tenebre, lo scherzo proprio no. Mentre il Madman tornava a casa dopo aver solo presentato la figlia, sul palco è apparsa Kelly, la quale era sinceramente convinta che tutta quella gente fosse lì per lei. Il penoso qui pro quo è deflagrato subito. Nel titolo abbiamo scritto “fischiato”, ma il pubblico anglofono, si sa, non fischia: fa “boo”, o, se preferite, “buu”. Kelly è stata “booed offstage”, cioè fatta oggetto di enormi “buu” finché non è stata costretta a smettere. La povera ragazza, dopo tre sole canzoni, ha dovuto rifugiarsi scornata in camerino.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.