Blockbuster e la musica: 'Ora facciamo sul serio'

Il mercato è ridotto all'osso, il retail specializzato zoppica (con il marchio Virgin Megastores, vedi News, forse prossimo ad alzare bandiera bianca), eppure c'è chi è ancora disposto ad investire sulla musica registrata, anche se ormai necessariamente abbinata ad altre merceologie: Fnac e Feltrinelli aprono nuovi punti vendita, e ora persino Blockbuster fa la corte all'industria discografica, inaugurando presso tutti i punti vendita della catena, 200 in Italia, un “Music Point” allestito in collaborazione con le emittenti radiofoniche Rete 105 e Radio Montecarlo.
Non è la prima volta che il marchio leader nella vendita e noleggio di DVD e videocassette si avventura nello smercio di CD: “Ma in passato”, ammette l'amministratore delegato Paolo Penati al telefono con Rockol, “non abbiamo trattato bene la musica, e i risultati non sono arrivati. Questa volta il nostro approccio è diverso e vogliamo diventare degli interlocutori seri per le case discografiche”. Penati ricorda il successo conseguito nella vendita dei libri, per spiegare il nuovo interesse nei confronti dei dischi: “Né gli uni né gli altri sono e saranno il nostro core business, ma i risultati parlano chiaro: abbiamo cominciato a trattare i libri nel '97 vendendo 45 mila pezzi, l'anno scorso ne abbiamo smerciati 170 mila e quest'anno contiamo di arrivare a 200 mila. Con i CD speriamo di seguire lo stesso percorso”. Ma come, quando la distribuzione musicale sembra restringere di anno in anno i suoi spazi? Penati è convinto che Blockbuster abbia diverse carte da giocare: “Non faremo concorrenza alle catene specializzate, ci mancherebbe, perché la nostra sarà una selezione molto limitata, una ventina di titoli con le principali hits del momento. Ma rispetto a loro abbiamo una rete di negozi distribuita su tutto il territorio, e non limitata alle città principali. E nei confronti degli ipermercati contiamo sul fatto di avere un cliente già predisposto all'acquisto di beni per l'home entertainment e il cui profilo demografico è molto simile a quello degli attuali consumatori di dischi: single e giovani genitori tra i 25 e i 45 anni, con figli intorno ai 15. Sono persone di reddito e cultura prevalentemente medio-alta, con buona capacità di spesa pro-capite. E sono numerosi, circa sei milioni di utenti che frequentano i nostri negozi in Italia: perché non dovrebbero comprare anche dischi?”.
Come si collocherà, il colosso americano, nel panorama industriale e commerciale esistente? “Alla discografia vogliamo offrire massima collaborazione. Organizzando una presentazione e un'autograph session con i Tiromancino, lunedì 9 dicembre a Milano, abbiamo inaugurato quella che speriamo sarà una serie di iniziative promozionali concordate con le case discografiche. E sui prezzi non faremo follie, non venderemo sottocosto: ci interessa fare profitto, non strappare market share ai concorrenti”.
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Francesca Trainini (PMI, Impala)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.