Missy Elliott lancia un appello animalista

Missy Elliott lancia un appello animalista
Missy Elliott vuole sfruttare tutta la sua popolarità per cambiare la situazione nella sua città natale di Portsmouth, Virginia. La cantante è venuta a conoscenza del fatto che, solo l’anno scorso, almeno 2.308 tra cani e gatti sono stati uccisi e che, in tutti gli Stati Uniti, si va dai 4 ai 5 milioni l’anno di animali domestici barbaramente uccisi. "Sono nata a Portsmouth e spero che la mia città ci tenga ad essere parte di un paese civile. Spero che possiate fare del vostro meglio per far sì che questo avvenga”, ha scritto la Elliott nella lettera indirizzata al vice-sindaco della cittadina, Bernard D. Griffin Sr. e pubblicata sul sito helpinganimals.com. L’artista, ha sottolineato l’importanza di ricorrere al controllo delle nascite, al fine di evitare che il dilagare di piccoli randagi diventi un alibi per consentirne lo sterminio.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.