E’ successo nel 2002: 14 ottobre

E’ successo nel 2002: 14 ottobre
Mercato del disco: in tutto il mondo (o quasi) la sofferenza continua (14 ottobre 2002)

Storia di un tonfo annunciato. Il crollo delle vendite di dischi nel mondo, ormai, non fa più notizia ed è con preoccupante assuefazione che ci accingiamo a riferirvi dei dati appena diffusi dall’IFPI, l’organizzazione mondiale dell’industria discografica, a proposito dei risultati collezionati nei primi sei mesi dell’anno: i quali, in linea con l’andamento già noto dei principali mercati, parlano di un’ulteriore, netta e generalizzata – anche nei paesi in via di sviluppo - flessione dei consumi (- 11,2 %, in numero di pezzi) e dei fatturati (- 9,2 %).
Sul viale del tramonto vanno a braccetto tutti i supporti tradizionali (CD album, - 7 %; singoli, - 17 %; cassette, - 31 %), penalizzati da un concorso di cause ormai arcinote: pirateria, musica gratuita su Internet, recessione economica, concorrenza di prodotti alternativi come telefonini, giochi per computer, DVD Video; mentre crescono – ma nell’ambito di una “nicchia” ristretta del mercato – solo le vendite di supporti nuovi come DVD-Audio, Super Audio CD e DVD musicali (questi ultimi contano già per il 63 % delle vendite di video musicali in Gran Bretagna e per il 75 % in Germania).
La debacle investe tutti i paesi principali, dagli Stati Uniti al Giappone (che insieme rappresentano oltre il 50 % del mercato mondiale: fatturati in calo del 6,8 e del 14,2 % rispettivamente) fino all’Europa occidentale (- 7,5 %, contro il –9,6 % dell'Italia): con l’eccezione della Francia, isola felice (e il caso andrà studiato con maggiore attenzione) capace di crescere in giro d’affari di un altro 5,2 % rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e di strappare il quarto posto in graduatoria alla Germania, una delle vittime principali della crisi. Per il resto, deboli segnali di ripresa – che fanno, questi sì, notizia – si registrano in Svezia (+ 0,7 %), a Singapore (+ 3,8 % in termini di pezzi venduti, in un contesto asiatico di forte recessione, - 20,4 %), in Brasile (+ 18, 7 %, sempre in unità) e in Cile (ma qui giocano soprattutto fattori macroeconomici): mercati, non a caso, caratterizzati da una forte presenza di repertorio locale, uno dei pochi volani in grado di far “girare” ancora i mercati.
Come reagire? L’IFPI fa buon viso a cattivo gioco, confidando negli album di Elvis Presley, Rolling Stones, Coldplay, Shakira e Shania Twain, tra gli altri, per risollevare la testa nel secondo semestre, tradizionalmente più importante del primo (60 % circa delle vendite) quando si tratta di fare i conti complessivi di fine anno. Ma se la musica legale on-line non decolla e la copia selvaggia continua di questo passo….
Dall'archivio di Rockol - Elvis e la data di nascita del rock 'n' roll
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.