USA, il giudice ordina di 'spegnere' Madster

Madster, o Aimster che dir si voglia, deve staccare immediatamente la spina: lo ha deciso il giudice americano Marvin Aspen accogliendo un'istanza presentata dalle major discografiche americane a tutela dei propri copyright musicali (vedi news).
Il magistrato, con un'ordinanza provvisoria emessa nella serata di lunedì scorso (2 dicembre), ha disposto che la società deve immediatamente “disabilitare e disconnettere tutti i computer, inclusi i server, utilizzati in connessione con qualsiasi sistema o servizio da lei posseduto o controllato”, inibendo contemporaneamente ogni accesso Internet al network che consente la condivisione non autorizzata di file musicali.
Nessuna reazione ufficiale, per ora, da parte dei proprietari della Web company: il cui sito www.madster.com, nel momento in cui scriviamo, continua ad essere in funzione e non fa alcuna menzione della vicenda.
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Gaetano Blandini (SIAE)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.