UK, un consumatore su 2 vuole poter rivendere i suoi prodotti digitali

Nell'arco della sua esistenza, un consumatore britannico di prodotti digitali acquista in media 91 canzoni, 15 e-book, 12 applicazioni, 9 giochi, 8 programmi software, 6 film, 3 programmi televisivi e 2 riviste o quotidiani scaricabili sul computer. Lo rileva l'indagine "Digital Generation Report" effettuata da WorldPay su un campione di 3 mila utenti statunitensi e britannici che nell'ultimo anno hanno effettuato acquisti di beni o servizi digitali. Dalla ricerca, riporta il sito inglese Music Week, risulta anche che il 10 per cento dei britannici acquista musica e app una o più volte la settimana (più di un terzo lo fa almeno una volta al mese), che il 17 per cento compra certi prodotti digitali perché fanno sembrare "cool" chi li possiede, mentre il 42 per cento è convinto che siano troppo costosi (anche se il 70 per cento prevede di comprarne di più in futuro).

La metà degli utenti vorrebbe poter rivendere i beni digitali acquistati (secondo il modello promosso da società come ReDigi) come fa con i CD e i DVD, mentre il 14 per cento è già convinto che sia perfettamente legale farlo e un quarto che sia possibile lasciarli in eredità a familiari e amici in caso di decesso. "Dal 2007 a oggi il consumo di contenuti digitali è cambiato in modo radicale e l'aumento del numero di persone che posseggono apparecchi consente di rendere disponibile ovunque e in ogni momento ogni genere di contenuto e servizio", spiega il chief product officer di WordlPay Philip McGriskin. "Acquistando più generi di contenuti digitali", aggiunge l'analista, "i consumatori invocano sempre più spesso la possibilità di riciclarli, condividerli o scambiarli parzialmente come si sono abituati a fare con i prodotti fisici. Esiste anche una certa confusione su ciò che si è autorizzati a fare con ciò che si è acquistato. C'è dunque bisogno di fare chiarezza sui confini della proprietà dei contenuti, offrendo possibilmente ai consumatori la possibilità di acquistare tali diritti".

Music Biz Cafe, parla Paola Marinone (BuzzMyVideos)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.