Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Italia / 01/05/2013

Primo maggio, report: i live di Silvestri e Gazzé

Primo maggio, report: i live di Silvestri e Gazzé

 

Un solo brano per Daniele Silvestri, che visibilmente emozionato dice al pubblico: "Vi canterò una canzone a cui sono legato molto. Sono stato molte più volte lì in mezzo (tra il pubblico) che qua sopra. Vi invito a fare un saluto a un’altra Piazza, di una citta che sta soffrendo: Taranto. Non c’è nessuna competizione. E adesso un po’ di Roma". Piano e voce, un momento intimista ed emotivo dedicato a Roma, con "A bocca chiusa".

Max Gazzé tarda ad arrivare sul palco del Primo Maggio e il ritardo accumulato arriva a 20 minuti. Nonostante i contrattempi, il cantautore appare a suo agio e rilassato: suona il basso con una disinvoltura invidiabile. Il suono è ottimo, la band ha tiro e compattezza, ma Gazzè ha qualche incertezza vocale nel secondo brano ("Cara Valentina"); segue "La favola di Adamo ed Eva". Qualche perplessità per le backing vocals maschili, un po' forzate e sempre sul baratro della stonatura... problemi di monitor?.
Si chiude con una "Vento d'estate" in compagnia di Niccolò Fabi e "Sotto casa". 

Intanto il ritardo si accumula ulteriormente: siamo già ben oltre i 20 minuti oltre i tempi della scaletta prevista. Saltano quindi Vittorio Cosma con Federico Zampaglione ed Erika Mou.

Scheda artista Tour&Concerti
Testi