Sepultura: al via una campagna di crowdfunding per il documentario

Sepultura: al via una campagna di crowdfunding per il documentario

Il filmmaker brasiliano Otavio Juliano ha seguito i Sepultura ininterrottamente per tre lunghi anni, dal 2010 al 2013, documentando tutto ciò che aveva a che fare con la band - che attraversava un periodo di gravi tensioni (stiamo parlando del momento delle registrazioni di "Kairos", l'uscita dell'album e il tour successivo). Da tutto il materiale raccolto, con l'aggiunta di spezzoni d'archivio, Juliano e il gruppo desiderano trarre un documentario che parli della storia dei Sepultura, dei loro problemi, delle lotte per sopravvivere ai cambiamenti dell'industria.

Stando al regista il documentario al momento è completo al 50%. "Abbiamo immortalato su pellicola questa band storica mentre attraversava trasformazioni lancinanti, ma al contempo cresceva in modo impensabile", scrive Juliano. "Abbiamo poi aperto gli archivi dei Sepultura e abbiamo riportato alla luce il miglior materiale degli ultimi 30 anni, raro e mai visto prima. Nel documentario li mostriamo sia nel loro lato più umano e vulnerabile che in quello di idoli del metal. Questi elementi rendono il film un documento di rara potenza".

Detto questo, però, come al solito c'è la nota dolente... ossia mancano i soldi. Così la produzione e Juliano hanno lanciato una campagna su Kickstarter, tramite cui è possibile fare donazioni in denaro per finanziare il progetto. sono già stati spesi 100.000 dollari, la campagna inizialmente mira a raccoglierne altrettanti per coprire le spese più urgenti, ma da quanto scritto dal regista alla fine servirà addirittura un milione di dollari.
Le donazioni possono essere fatte a questo indirizzo: www.kickstarter.com/projects/interfacefilmes/sepultura-official-documentary


Contenuto non disponibile

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.