Business telefonini, un indipendente accusa: 'Noi non vediamo un euro'

Business telefonini, un indipendente accusa: 'Noi non vediamo un euro'
Sarà davvero il cellulare il futuro della musica digitale? Le previsioni ottimistiche, e autorevoli, rimbalzano da un mercato all’altro stimolando nuove iniziative imprenditoriali da entrambe le parti dell’Atlantico: basta ricordare, tra gli sviluppi recenti, l’acquisizione di Run Tones da parte di Sony Music in vista della creazione, nella major giapponese, di un apposito dipartimento destinato allo sviluppo del business di telefonia mobile (vedi News); oppure l’accordo recente di un altro operatori specializzato, Zingy, con Microsoft, per vendere suonerie e altri servizi di distribuzione musicale in forma digitale, una volta che la banda larga sarà diventata di uso comune. “A quel punto”, ha detto il presidente della stessa Zingy”, “useremo il master come una suoneria, e le etichette potranno promuovere i loro prodotti e al tempo stesso guadagnare denaro con le licenze”.
In Europa il mercato vale già un miliardo e mezzo di euro stimati: il nostro paese, in virtù della diffusione dei telefonini portatili, è uno dei mercati potenzialmente più interessanti ma l’inadeguatezza dei contratti e le pastoie burocratiche, secondo alcuni operatori, impediscono ad etichette, autori e editori musicali di guadagnarci. “In Italia – ha raccontato a Rockol Max Moroldo, presidente della casa discografica e di edizioni musicali Do It Yourself/Nitelite – il fatturato dello scaricamento di suonerie per cellulare vale già qualcosa come 140 mila euro all’anno. Io posso dimostrare che in un solo giorno il brano ‘Magia’ di Molella è stato scaricato 197 volte. Ma i soldi se li intascano i provider e la SIAE, l’ente che autorizza i download. A me, in teoria, spetterebbe una somma su ogni scaricamento: ho fatto domanda alla SIAE per saperne di più, e nell’ultimo rendiconto ho ricevuto un euro. I provider come Wireless Solutions, che è quotato in Borsa, pagano un forfait alla SIAE che però non ci dice quante volte i tuoi brani sono stati scaricati. Nessuno, su un business in crescita come questo, tutela l’autore”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.