The Observer 2013: l'intervista a Mara e la recensione de Le Case Del Futuro

The Observer 2013: l'intervista a Mara e la recensione de Le Case Del Futuro

Come ogni settimana, prosegue l’appuntamento del venerdì con Rockol The Observer: da oggi, infatti, sono on line l’intervista a Mara e la recensione del nuovo Ep deLe Case Del Futuro.

Mara, al secolo Mara Luzietti, nasce a Ravenna nel 1981, dove oggi lavora come insegnante di avviamento musicale per bambini nelle scuole, e come musicoterapista in ambienti scolastici e terapeutici. Cresciuta ascoltando Beatles, Syd Barrett, Portishead e Deus, Mara sviluppa un songwriting particolarmente caratterizzato dalla necessità di fissare ricordi in modo molto visivo, dosando quindi luci e ombre in pezzi dal forte contenuto cantautorale, ma musicalmente affini a generi come, ad esempio, l’ambient e soprattutto, il twee pop. Nel 2009 Mara incontra il musicista Francesco Giampaoli (Sacri Cuori, Classica Orchestra Afrobeat, Quartetto Klez, Sur), col quale realizza nel 2012 il suo album di debutto intitolato “Dots”: “I pezzi in realtà li ho scritti tutti nell’arco di sei / sette anni, e l’obiettivo non era assolutamente farne un disco, ma soltanto crearli e dargli una loro forma; fino a qualche anno fa per me già solo questo era il traguardo” ha raccontato Mara a Rockol “La voglia di racchiuderli in un disco è arrivata successivamente, una volta che i singoli pezzi avevano trovato una loro identità. Solo da quel momento Dots è diventato l’obiettivo”.

La recensione della settimana per The Observer è invece quella di “Neve”, l’ultimo Ep firmato Le Case Del Futuro.
Le Case Del Futuro sono una band pop / shoegaze di Brescia composta da Nicolò Brattoli, Greg Dalla Voce e Alessio Lonati. Il nuovo EP intitolato “Neve”, pubblicato ad un anno di distanza dal disco d’esordio “Lucertole”, si presenta stilisticamente affine a quanto fin qui prodotto. Quattro i pezzi in scaletta: la bella title- track, anticipata da “Come volevi vivere”, l’episodio più “punk” del lotto, dalla cover di “Tungsteno”, brano dei mai dimenticati Scisma, e da “L'ultima”, brano di chiusura di “Lucertole”, manipolata attraverso suggestioni noise e loop elettronici, dalla mano - particolarmente ispirata - di Luca Giovanardi dei Julie's Haircut aka Silent Panda / Deadly Panda

Continuate a seguire The Observer, la nostra rubrica dedicata alla musica emergente, per scoprire di quali altri artisti parleremo nelle prossime settimane.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.