Rinasce la Stax: sotto forma di museo e scuola di musica

Rinasce la Stax: sotto forma di museo e scuola di musica
Per decenni il sito al numero 926 di East McLemore Avenue a Memphis, su una delle arterie suburbane che conducono all'aeroporto, è rimasto un luogo di culto per pochi, che nascondeva il suo glorioso passato tra anonimi capannoni in disuso, edifici cadenti, erbacce incolte e una targa commemorativa sempre più scolorita e illeggibile.
Ora però le cose stanno per cambiare: la Stax Records, l'emblema del deep soul sudista che proprio in quel piccolo ex cinematografo ebbe il suo quartier generale e i suoi leggendari studi di registrazione, risorgerà dalle ceneri sotto le sembianze di un museo, lo Stax Museum of American Soul Music, che aprirà i battenti il prossimo mese di aprile. Il progetto, che include anche un'accademia musicale, costerà 20 milioni di dollari ed è finanziato sia da denaro pubblico che da donazioni private. Lo scopo, spiegano i promotori dell'iniziativa (che non ha fini di lucro), non è solo quello di creare una nuova attrazione turistica in una città che ai musicofili di tutto il mondo offre già Graceland, i Sun Studios e i locali di Beale Street, ma anche e soprattutto di rivalutare una zona degradata e di offrire un'alternativa all'arruolamento nelle gang di quartiere ai bambini della zona, spesso cresciuti da donne sole e prive di mezzi economici. “Se imparano a sparare con le pistole, possono anche imparare ad armonizzare con le voci: magari diventeranno cantanti gospel o i prossimi Bar-Keys, e noi vogliamo renderli coscienti delle loro radici musicali”, ha dichiarato ad un reporter Deanie Parker, vecchio autore della Stax e oggi presidente e direttore esecutivo della fondazione Soulsville che gestisce l'iniziativa. I locali in cui avrà sede la scuola di musica sono già stati attrezzati di sale prove e studi di registrazione allo stato dell'arte, oltre che di strumenti musicali e di computer per comporre musica. Nell'edificio adiacente verrà allestita invece una sala esposizioni ricca di memorabilia sulla storia dell'etichetta (fondata da due bianchi, Jim Stewart e Extelle Axton) per cui, tra il 1959 il 1975, incisero giganti della musica nera come Otis Redding, Carla e Rufus Thomas, Sam & Dave, Isaac Hayes, Johnnie Taylor, Booker T & the MG's e Albert King.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.