Comunicato Stampa: Concerto per Garcia Lorca al Newtonfest

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.


7° concerto al NEWTONFEST
28 NOVEMBRE ORE 21.30

Concerto per Garcia Lorca Teatro Moderno (S.Marco, via Sisto v)

Eugenio Becherucci chitarra
Coro Da Camera D.Paris dir. Antonio D’Antò
Orchestra d’archi G.Tartini dir. Antonio Cipriani
Soprano: Raffaella Mazzoli
Voce recitante: Raffaella Tarquini
Il fascino evocativo della chitarra, l'armonia misteriosa ed avvolgente del coro, la capacità esemplare di parlarti e coinvolgerti che ha la voce: sono questi i tre principali ingredienti dello spettacolo “Concerto per Garcia Lorca”. Il grande poeta spagnolo è il filo conduttore della serata, in quanto tutti i brani in programma sono ispirati a sue composizioni poetiche.
Federico Garcia Lorca nasce a Granada nel 1898 e muore fucilato dai franchisti durante la guerra civile, all’età di soli 38 anni. Poeta di estrema sensibilità le sue vicende esistenziali, la sua capacità di dare un rilievo nuovo e “strano” a fatti e personaggi ritenuti banali o addirittura reietti “io sono e sarò sempre dalla parte di coloro che non hanno niente”, il fortissimo potere simbolico del suo linguaggio che colpisce direttamente nel profondo, il recupero e il dare dignità a un patrimonio culturale negato da secoli di pregiudizi, sono solo alcuni degli elementi che lo hanno reso un autentico mito moderno. Ma andando più a fondo, si scopre che tale capacità creativa gli deriva dal duende, che genera in lui l’ispirazione poetica, che in contrapposizione allo sforzo razionale tendente alla perfezione formale, è perfezione istintiva che coinvolge tutto l’essere, è passione, è fuoco, è un “potere e non un operare, un lottare e non un pensare”.

Tre canzoni popolari spagnole "Anda, jaleo"," Nana de Sevilla" e "El cafè de Chinitas" sono scelte da un lavoro realizzato da Garcia Lorca, che andò a raccogliere questo materiale "sul campo", e lo presentò poi in una raccolta, originariamente per voce e pianoforte, in cui queste melodie sono da lui armonizzate cercando di preservare lo spirito del "cante jondo", ma unendolo alla sua propria sensibilità musicale.

Mario Castelnuovo-Tedesco, nato a Firenze nel 1895 e naturalizzato americano dopo la sua immigrazione forzata negli Stati Uniti nel 1939, a causa delle persecuzioni antisemite. Lontano dalle problematiche della scuola di Vienna ha perseguito quella che potremmo chiamare la strada italiana verso la modernità: una ricerca di arcaismi che rappresentano un modo originale per svincolarsi dalle pastoie tardoromantiche. .


"Romancero Gitano" del 1951, per coro misto e chitarra su poesie di Garcia Lorca, appare una delle sue composizioni più felici, dove l'intensità d'espressione, la brevità e l'incisività del tratto stanno in perfetto equilibrio con la delicatezza timbrica e la dolcezza poetica e musicale.
"Concerto per Garcia Lorca" di Eugenio Becherucci
“….ho voluto utilizzare due degli elementi che caratterizzano l'intero programma della serata odierna: la chitarra nel ruolo di protagonista, e, importante controparte, la voce elaborata elettronicamente, sia quando cerca un collegamento ideale con la voce del poeta per arrivare alla "rigenerazione" nella parte finale, o quando si fa "coro" a commento delle fasi salienti del percorso emotivo del brano.”
Reginald Smith-Brindle, compositore inglese, direttore d'orchestra e chitarrista, nato nel 1917. Nella sua vasta produzione musicale ha esplorato i più diversi stili compositivi, dalla tonalità all'alea, alla dodecafonia. Le sue 60 e più opere per chitarra hanno dato un grande contributo al repertorio dello strumento nel 20° secolo.
"El polifemo de Oro", del 1956, è un brano ispirato alla celebre "Adivinanza de la guitarra" di Garcia Lorca. L'opera è divisa in quattro brevi movimenti costruiti in stile dodecafonico, ma caratterizzati un forte lirismo melodico e un onnipresente richiamo a centri armonici ricorrenti, tanto da far pensare ad un uso della tonalità allargata.

Con libera degustazione di vini offerti dalla cantina Cincinnato di Cori.

Il costo del concerto è di 8 euro.
Concerto di Wim Mertens 15 euro (è iniziata la prevendita!)

Si ricorda che la manifestazione si protrarrà per tutti i giovedì alle ore 21.30, fino al 19 dicembre con i seguenti artisti:
5 dic. STARFUCKERS groove rock asincrono (opening YU improvvisazione),
12 dic. ANTONELLO SALIS/PAOLO ANGELI improvvisazione archeo-industriale,
19 dic. WIM MERTENS piano and vocal performance, minimal-ambient, art music
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.