Usa, Amazon produce e distribuisce programmi tv

Usa, Amazon produce e distribuisce programmi tv

Dopo essere entrata in concorrenza con Apple e iTunes sul fronte del download musicale (con discreti risultati: in tre anni la quota di mercato americana di Amazon MP3 è quasi raddoppiata, dal 12 al 22 per cento, in parte proprio a scapito del principale concorrente), Amazon sembra intenzionata a gettare il guanto di sfida non solo a Spotify (con un servizio di streaming di cui si parla da qualche tempo) ma anche a Netflix. Indiscrezioni americane rimbalzate sul New York Post dicono infatti che Jeff Bezos sia pronto a entrare nel settore della produzione televisiva, sfornando a tempi brevissimi (ma già rinviati) le puntate pilota di otto comedy show diffuse gratuitamente sul sito americano. I programmi, che vedono la partecipazione di attori famosi come John Goodman nel serial "Alpha house" (incentrato su quattro senatori che vivono nella stessa casa), sarebbero costati ad Amazon fino a 10 milioni di dollari (il fatturato annuo del gruppo ammonta a 61 miliardi di dollari): secondo il Post, la strategia di Amazon mira a convincere una parte dei suoi 200 milioni di clienti a spendere 79 dollari all'anno su Prime, il servizio di consegna prioritaria che include anche l'accesso gratuito a un servizio di video streaming e il noleggio della biblioteca in formato elettronico di Kindle. Dopo gli episodi pilota, infatti, le puntate successive dei serial sarebbero disponibili solo a pagamento e in esclusiva agli abbonati a Prime.

"La qualità produttiva doveva essere davvero elevata; abbiamo messo insieme dei cast fantastici e professionisti di prima qualità", ha confermato al quotidiano newyorkese il direttore di Amazon Studios Roy Price. Tra gli altri serial in programma figura anche "Zombieland", prodotto dalla Sony come spin-off del film omonimo distribuito in Italia nel 2009 con il titolo di "Benvenuti a Zombieland".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.