I discografici ai giudici: 'Spegnete Madster'

Secondo le etichette che aderiscono alla Recording Industry Association of America, la Web company un tempo nota come Aimster (vedi news) starebbe violando impunemente l'ingiunzione giudiziaria che, il 31 ottobre scorso (vedi news), le aveva intimato di interrompere il traffico illegale di file musicali che avviene tramite la sua rete on-line.

E la RIAA, di conseguenza, è passata al contrattacco, richiedendo allo stesso giudice dell'Illinois, Marvin Aspen, la convocazione in giudizio del titolare del servizio, John Deep. I discografici vogliono che Deep venga multato per i profitti indebiti incassati in violazione del provvedimento e che il server di Aimster venga spento finché non si conformerà alle disposizioni del tribunale. “Ci spiace di aver dovuto fare questo passo”, ha dichiarato un portavoce della RIAA, “ma il signor Deep non ci ha lasciato altre possibilità”. L'interessato, per il momento, non commenta ma promette un'immediata replica in sede legale. .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.