Manu Chao citato in tribunale per 'furto di voci'

Manu Chao citato in tribunale per 'furto di voci'
Manu Chao è stato portato in tribunale a Madrid con l'accusa di furto di voci. Secondo Javier Dotu, doppiatore professionista, e Maria Jesus Alvarez, conduttrice radiofonica, le voci dell'annuncio: “Proxima estacion: Esperanza”, che accompagna alcune canzoni dell'album del 2001 omonimo sarebbero le loro.
Il cantautore di “Clandestino” avrebbe utilizzato la registrazione dell'annuncio, che si può ascoltare tutti i giorni nelle metropolitane di Madrid, abusivamente e senza informarne i due proprietari, che oggi rivendicano la somma di 60 mila € per i diritti di “copyright”.
“Dopo mesi di silenzio”, hanno raccontato Dotu e Alvarez, “ci è giunta dalla Virgin, la casa discografica di Manu Chao, una offerta di 1200 €. E così ci siamo decisi a rivolgerci al tribunale di Madrid: vogliamo almeno 5 centesimi per ogni copia del disco venduta”. (Fonte: La Stampa)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.