BMG promette: d'ora in poi contratti più trasparenti con gli artisti

In risposta alle furenti polemiche (con corollario di investigazioni governative) sul modo in cui le case discografiche remunerano – o, secondo punti di vista differenti – sottraggono denaro ai loro artisti, la BMG ha annunciato che semplificherà d'ora in poi i suoi metodi contabili e di rendicontazione, senza per questo aumentare l'entità delle royalty che versa ai gruppi e cantanti con cui ha rapporti contrattuali.
Trasparenza sì, dunque, ma senza sborsare una lira di più. Come? Semplice: la casa tedesca rinuncerà a far gravare sulle spalle degli artisti una parte dei costi sostenuti per il packaging e il confezionamento del prodotto, come è uso comune quando si tratta di distribuire i proventi ricavati dalle vendite dei dischi. Ma allo stesso tempo calcolerà le royalty non più in percentuale sul prezzo al dettaglio ma su quello, più basso, applicato all'ingrosso: recuperando da una parte quello che concede dall'altra. BMG, comunque, è la prima major a compiere un passo del genere (e promette anche royalty più alte, analoghe a quelle previste per gli album, sulle vendite on-line). “Mi auguro serva a dimostrare che i nostri contratti sono trasparenti e non ambigui, e che abbiamo assoluto rispetto per chi compie un lavoro creativo”, ha spiegato l'amministratore delegato Rolf Schmidt-Holtz.
Le altre major per il momento non commentano: ma un dirigente coperto da anonimato, parlando con un cronista della Reuters, ha ammesso che certe clausole contrattuali sono arcaiche e vanno rinnovate, aggiungendo però che le deduzioni di royalty vengono spesso e volentieri manipolate dai legali degli stessi artisti per intascare più denaro dai loro assistiti: chi è innocente, insomma, scagli la prima pietra.
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Stefano Lionetti (TicketOne)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.