Attentati a Boston, le reazioni degli artisti. Joey McIntyre: 'Salvo per poco'

Attentati a Boston, le reazioni degli artisti. Joey McIntyre: 'Salvo per poco'

Ha ovviamente sconvolto anche il mondo del rock e del pop l'attentato che ieri pomeriggio (la scorsa notte, ora italiana) ha visto esplodere due ordigni all'arrivo della maratona di Boston, uccidendo tre persone tra le quali un bambino di soli otto anni e provocando il ferimento di 140 persone: una testimonianza diretta dello sciagurato atto terroristico è arrivata da Joey McIntyre, elemento dei New Kids on the Block che ha preso parte alla competizione podistica alla quale erano iscritti oltre 270 nostri connazionali.

"C'è stata un'esplosione sulla linea d'arrivo", ha fatto sapere con un tweet - praticamente in tempo reale - il cantante: "E' successo cinque minuti dopo il mio arrivo. Io sto bene, ma credo ci siano molti feriti". Sempre Twitter ha ospitato i numerossissimi messaggi di solidarietà e cordoglio che la comunità musicale internazionale ha voluto inviare ai cittadini rimasti coinvolti nelle esplosioni. "Preghiamo per tutti i presenti a Boston, e esprimiamo la nostra più sentita vicinanza a quanti hanno perso familiari o sono stati feriti nell'attentato", ha scritto Joe Perry degli Aerosmith, band che ha base proprio nella capitale dello stato del Massachusetts: "I miei pensieri e le mie preghiere vanno a quanti sono rimasti coinvolti nell'attentato alla maratona di Boston", è stato il tweet di Bret Michaels, di fatto identico a quelli di Toto, Guns N' Roses e America. "I miei pensieri e il mio cuore sono con voi, Boston", ha fatto sapere Tommy Lee dei Motley Crue, al quale si è unito Billy Idol: "Sto guardando i reportage da Boston: sono molto triste per chiunque sia rimasto coinvolto in questo tragico gesto. Il mio cuore è con voi". "Sto malissimo per la gente di Boston", ha twittato Slash: "Oggi è successo qualcosa di veramente malvagio". "Le mie preghiere e il mio cuore ai cittadini di Boston", si legge nel tweet di Teg Nugent: "Spero che i colpevoli vengano individuati e puniti severamente". "Sono così triste nel sentire le notizie in arrivo da Boston", ha scritto il figlio di Eddie Van Halen Wolfgang: "C'è in giro gente davvero rincoglionita, al mondo".

"Le nostre preghiere dalla California: incredibile", hanno scritto i Dropkick Murphys: "Boston, siamo con te", hanno ribattuto i Pixies, che proprio a Boston hanno mosso i primi passi. "Se abitate nei paraggi, andate a donare sangue", è stato il consiglio dei 30 Seconds to Mars: "Le nostre preghiere sono per voi. Che atto orribile e disumano". "Tutto il mio amore a chi è stato coinvolto negli attentati di oggi a Boston", ha twittato Ke$ha, alla quale hanno fatto eco i Garbage: "Il nostro amore e i nostri pensieri alla brava gente di Boston".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.