La figlia di McCartney si costruisce un’oasi ecologica

La figlia di McCartney si costruisce un’oasi ecologica
Stella McCartney, apprezzata stilista e figlia di Paul, ha chiesto il permesso di farsi costruire un’oasi ecologica. Da sempre attenta agli insegnamenti salutisti della scomparsa mamma Linda, Stella progetta di piantare duemila alberi, creare sei laghetti uniti tra loro e far costruire un impianto per la purificazione delle acque. Il tutto dovrebbe sorgere, quando il permesso eventualmente giungerà, presso gli ampi terreni che si estendono attorno alla sua fattoria tra l’Herefordshire ed il Worcestershire, da lei comprata lo scorso anno per una somma che oggi corrisponderebbe a due milioni di euro. “Non abbiamo mai ricevuto richieste simili, ma a prima vista pare un’ottima idea”, ha riferito un amministratore locale.
Dall'archivio di Rockol - La storia di “RAM” di Paul McCartney
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.