Un problema di droga ha ucciso Jam Master Jay?

Un problema di droga ha ucciso Jam Master Jay?
Secondo indiscrezioni del New York Post, potrebbe essere la droga il movente dell’assassinio di Jam Master Jay dei Run DMC (vedi News). Il sospettato principale dell’omicidio, Curtis Scoon, avrebbe anni fa pagato a Jay 15.000 dollari per comprare 2 chili di cocaina. L’accordo col pusher sarebbe poi andato a monte, senza però ricevere indietro il denaro, e Scoon avrebbe iniziato così a covare odio nei confronti di Jay, dal quale avrebbe preteso un risarcimento. Scoon, nel corso degli ultimi otto anni, avrebbe più volte minacciato il DJ, sino ad ingaggiare un sicario per ucciderlo il 30 ottobre scorso nel Queens. Tutte queste teorie sarebbero confermate da alcune prove raccolte dalla polizia, ormai pronta - almeno secondo il New York Post - ad assicurare Scoon alla giustizia.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.