La mamma di Eminem rivela: 'Mio figlio ha rischiato di morire'

La mamma di Eminem rivela: 'Mio figlio ha rischiato di morire'
“Mio figlio ha rischiato di morire quand’era piccolo”, queste le rivelazioni di Debbie Mathers, madre di Eminem. La donna ha rivelato un episodio drammatico della vita di suo figlio al programma tv americano “ET”, raccontando un fatto risalente a molti anni fa, quando cioè Marshall Mathers III (questo il vero nome di Eminem) fu brutalmente picchiato da alcuni compagni di scuola all’età di otto anni: “Lo ritrovarono in bagno coperto di sangue. I medici erano pessimisti circa la sua sopravvivenza. E’ stato allora che ho deciso di non farmi prendere dallo sconforto e di restare al suo fianco. La sua ripresa è stata molto lenta e come madre è stata una prova difficilissima da affrontare, perché lui di rado era cosciente. C’è voluto un anno perché si riprendesse completamente”, ha riferito.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.