Anche Kylie Minogue condanna i programmi che creano le stelle del pop

Anche Kylie Minogue condanna i programmi che creano le stelle del pop
Anche Kylie Minogue si unisce alla crociata contro i programmi che sfornano stelle del pop. In Gran Bretagna impazza “The rivals”, che è il terzo show in tre soli anni che tenta di propinare al pubblico cantanti nati davanti alle sole telecamere. La trasmissione è seguita, anche se gli stessi autori ammettono un calo d’interesse. I vincitori di “The rivals” sicuramente si metteranno a competere con Will Young e Gareth Gates, gli idoletti estratti dalla precedente trasmissione di pop prefabbricato, “Pop idol”. Ma il vento sta cambiando. Il potente quotidiano “The Sun” ha auspicato la fine delle trasmissioni che fanno “poppettino” (salvo poi riprendere a scrivere di Gareth Gates un giorno sì e l’altro pure), Robbie Williams si è schierato contro il fenomeno, poi Elton John ha fatto lo stesso. E’ ora la volta della mite Kylie Minogue. “Show di questo genere incoraggiano i ragazzi a perseguire la celebrità, ma non incoraggiano certo l’ambizione. L’ossessione di diventare famosi è spaventosa”, ha detto Kylie a Radio1 della BBC. “Una volta la celebrità era un prodotto collaterale. I ragazzi di adesso sperano di diventare molto conosciuti ancor prima d’avere il talento necessario per poter sostenere la fama. Cosa vuoi fare da grande? ‘Voglio diventare famoso’. E perché? ‘Boh’. I cantanti che vanno in trasmissione adesso, certo che sanno cantare, ma manca loro quell’ingrediente in più. Magari ce l’hanno anche, ma non lo si può trovare in una trasmissione TV”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.