UK, in 1.000 (finora) firmano la petizione per salvare la Earls Court di Londra

UK, in 1.000 (finora) firmano la petizione per salvare la Earls Court di Londra

Hanno raggiunto quota 1000, nel momento in cui scriviamo,  le firme raccolte online per salvare dalla demolizione la Earls Court, uno dei templi storici della musica rock (e non solo) a Londra: una cifra relativamente modesta, considerando che la sola metropoli conta oltre 8 milioni di abitanti. La petizione, promossa da Karim Halwagi, amministratore delegato della Association of Event Organisers, si chiuderà il 31 agosto e fino ad allora è possibile sottoscriverla a questo indirizzo (ma solo se si è cittadini britannici o si risiede normalmente nel Regno Unito).

"L'effetto di una potenziale perdita dell'Earls Court Exhibition Centre, probabilmente la venue britannica più nota a livello internazionale, sarebbe enorme, e non solo per l'industria locale che opera nel settore mostre ed eventi. Avrebbe anche un enorme impatto sulla capacità di attrarre società estere intenzionate ad allestire mostre ed eventi a Londra", sostiene Halwagi. "La cosa ironica è che la UK Trade & Industry vuole fortemente attrarre organizzatori stranieri di eventi nel Regno Unito e che già scontiamo una penuria di impianti disponibili: ricordiamoci che ci sono solo 52 settimane in un anno e che uno o due impianti non possono ospitare l'enorme varietà di grandi eventi destinati a operatori commerciali e consumatori che si tengono annualmente nel Regno Unito, senza considerare la possibilità di aggiungere manifestazioni provenienti dall'estero".

La Earls Court attrae ogni anno oltre due milioni e mezzo di visitatori e circa 30 mila standisti, assicurando lavoro a un migliaio di persone e incassi superiori al miliardo di sterline. Ex sede dei Brit Awards (traslocati nel 2011 alla O2 Arena) utilizzata anche durante i Giochi Olimpici di Londra 2012, ha ospitato in passato storiche esibizioni di gruppi rock come Pink Floyd e Led Zeppelin.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.