Comunicato Stampa: Jovanotti al M.E.I.

Comunicato Stampa: Jovanotti al M.E.I.
La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

JOVANOTTI

“SALVAMI” PREMIATO COME MIGLIORE VIDEO DI RICERCA
(NELLA SEZIONE PREMIO VIDEOCLIP ITALIANO AL MEI 2002)
“DATE AL DIAVOLO UN BIMBO PER CENA” È IL NUOVO SINGOLO
(DAL 15 NOVEMBRE IN RADIO CON UNA INEDITA VERSIONE)

Anche Jovanotti sarà presente domenica 24 novembre alla cerimonia del Premio Videoclip Italiano che si terrà nell’ambito del Meeting delle Etichette Indipendenti (a Faenza, in provincia di Ravenna, il 23 e il 24 novembre).
Insieme a Piero Pelù, Subsonica, Max Gazzè, Gino Paoli, e ai due autori del progetto 1Giant Leap, tutti vincitori di un Premio, Jovanotti ritirerà il Premio Migliore Video di Ricerca assegnato al video di “Salvami” da Domenico Liggeri, ideatore e direttore artistico del Premio Videoclip Italiano e del Premio Videoclip Indipendenti (il primo riguarda i video già noti al grande pubblico ed è alla sua seconda edizione, il secondo è invece rigorosamente riservato alla produzione di video underground a basso budget ed è giunto alla quarta edizione: entrambi sono organizzati nella cornice del Meeting delle Etichette Indipendenti, la manifestazione, diretta da Giordano Sangiorgi, più importante in Italia per il mercato della musica indipendente, tanto che per questa sesta edizione è prevista un’affluenza di pubblico superiore alle 10.000 persone).
“Il riconoscimento viene assegnato a “Salvami” di Jovanotti, nelle sue due versioni, quale migliore video di ricerca, per il suo valore di esperimento insieme estetico e mediatico – si legge nella motivazione formulata da Domenico Liggeri - capace di raggiungere l’obiettivo di rompere gli argini produttivi ingessati del clip industriale, realizzando il sogno delle avanguardie artistiche di impossessarsi del medium impossibile da domare, ovvero la televisione, riuscendo a rivolgerla al proprio messaggio sociale. Un clip fondato su un’idea e non sul budget, capace di mettere a nudo le contraddizioni dei mass-media e al tempo stesso di dimostrare come un clip italiano possa divenire molto più che un semplice strumento promozionale. Dovuto riconoscimento all’innovativo coraggio artistico del musicista e al tempo stesso alla perizia tecnica applicata dal regista Sergio Pappalettera nel realizzarlo.”
Un’altra notizia relativa a Jovanotti è l’ingresso nella programmazione radiofonica del suo brano più lungo (come musica e, soprattutto, come testo). Da venerdì 15 novembre, infatti, in radio si potrà ascoltare un’inedita (e forzatamente breve) versione di “Date al diavolo un bimbo per cena”, canzone che nell’album “Il Quinto Mondo” dura oltre dodici minuti e contiene centinaia di parole, canzone-tributo da parte di Lorenzo al suo primo grande amore: l’hip hop.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.