UK, per autori e editori più soldi dai servizi digitali che da club e radio

UK, per autori e editori più soldi dai servizi digitali che da club e radio

L'evoluzione in chiave digitale del mercato musicale riguarda in misura sempre maggiore anche il settore dei diritti di pubblica esecuzione (versati dagli utilizzatori ogni volta che un brano di musica registrata viene diffuso in pubblico) . Nel 2012 autori ed editori musicali britannici, ad esempio, hanno incassato più denaro dai canali online che dalle radio e dai locali pubblici (club, pub, ecc.): lo rivelano gli ultimi dati diffusi dalla PRS For Music, agenzia di collecting che vanta 95 mila associati e che intrattiene rapporti con 350 mila imprese utilizzatrici (tra cui 300 emittenti radiofoniche e 450 stazioni televisive), secondo cui le royalty versate dalle piattaforme digitali sono cresciute di un terzo, 32 per cento, rispetto all'anno precedente raggiungendo la cifra di 51,7 milioni di sterline (nei cinque anni precedenti l'incremento medio era stato del 27 per cento). Nello stesso periodo le somme incassate dalle emittenti radiofoniche hanno toccato i 47 milioni di sterline e quelle generate dalla musica dal vivo sono scese a 19,3 milioni (- 14,2 per cento).

Nonostante il digitale rappresenti una quota ancora ridotta, l'8 per cento, del fatturato globale di PRS, 641,8 milioni di sterline (+ 1,7 per cento sull'anno precedente), il trend di sviluppo è decisamente promettente: PRS For Music cita come tappe fondamentali dei progressi registrati nel 2012 i nuovi accordi di licenza firmati con piattaforme come Google Play, Xbox di Microsoft, Rhapsody e Vevo. "Spotify e Apple continuano a rappresentare l'ossatura dei ricavi online", ha osservato il direttore esecutivo dell'agenzia Robert Ashcroft. "Siamo dipendenti gli uni dagli altri", ha aggiunto a proposito dei rapporti con le società tecnologiche: "è nel loro stesso interesse che si realizzi un flusso di nuovi contenuti creativi".

A dispetto del successo internazionale di artisti come One Direction, Ed Sheeran e Mumford & Sons le royalty che PRS raccoglie nel resto del mondo sono calate del 4,1 per cento a 180,1 milioni di sterline: il dato negativo, secondo l'agenzia, si lega alla crisi economica di molti mercati e alle perdite subìte dalla sterlina nei confronti dell'euro.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.