Rdio lancia Vdio: 'Per creare una piattaforma di intrattenimento globale'

Rdio lancia Vdio: 'Per creare una piattaforma di intrattenimento globale'

Vdio, il servizio di streaming televisivo studiato da Rdio, una delle società di punta sul panorama mondiale della radiofonia online, è stato inaugurato ieri sui mercati statunitense e britannico: l'accesso ad una preview della piattaforma per il momento è stato assicurato agli abbonati Rdio, che - come recita il comunicato diffuso dalla società in occasione del debutto sul Web - potranno "comprare, noleggiare o scambiare i propri film e programmi preferiti in tempo reale".

Vdio, è bene chiarirlo, non si pone come un concorrente di Netflix: "Conosciamo quali siano le sfide in ambito di licenze e di veicolamento dei contenuti, soprattutto sul versante televisivo", ha dichiarato l'amministatore delegato della società Drew Larner al Guardian: "Il nostro obbiettivo è quello di lanciare contenuti migliori e più freschi su una piattaforma di intrattenimento globale. Sappiamo bene - saremmo ingenui se non ne fossimo al corrente - di entrare in competizione con giganti come Apple, Google e Amazon: tenteremo tutte le vie possibili fino ad elaborare la combinazione perfetta tra i servizi Rdio e Vdio. Non è una cosa che succederà domani, ma è una cosa che vedremo accadere in futuro".

In effetti le questioni sul tavolo di Larner sono molte e piuttosto complesse: l'operatività multipiattaforma implica necessariamente il raggiungimento di accordi su più livelli con diversi interlocutori (nello specifico, detentori dei diritti su musica, film e programmi televisivi, oltre che agli altri attori che compongono la filiera che porta un contenuto sul dispositivo del fruitore) che permetta un'equa ripartizione degli utili tra gli stessi.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.