Classifiche, Billboard album chart: Justin Timberlake debutta con 968.000 copie

Classifiche, Billboard album chart: Justin Timberlake debutta con 968.000 copie

Non è la milionata che si sussurrava, ma neanche le 500.000 copie pronosticate alcuni giorni fa. "The 20/20 experience" di Justin Timberlake, l'album che arriva a sei anni e mezzo di distanza dal precedente "FutureSex/LoveSounds", deflagra al numero 1 della nuova chart statunitense; sei anni e mezzo, peraltro, in cui l'ex fidanzato di Britney Spears non ha mai dato l'impressione  di rimpiangere la carriera musicale essendosi votato interamente a quella cinematografica. Ma al cantante-attore è tutto perdonato, la gente è corsa in massa ad acquistare la sua nuova prova, e dalle rivendite  - da New York a Los Angeles - ne sono uscite 968.000 copie. Si tratta del diciannovesimo miglior debutto da quando SoundScan ha iniziato a monitorare le vendite, nel 1991. Curioso rilevare come, in un mercato in contrazione, Justin abbia migliorato la propria prestazione. Il suo precedente, "FutureSex/LoveSounds", aveva infatti agguantato la prima posizione muovendo un numero di unità inferiore, 684.000; e la settimana d'oro dell'ex 'N Sync non finisce qui perché "20/20" diventa il disco che negli USA ha venduto di più nei primi sette giorni, sorpassando il precedente detentore, "Babel" dei Mumford & Sons che era entrato con poco più di seicentocinquantamila. Per gli amanti delle statistiche digitali, 452.000 sono le copie di "20/20" vendute via download. L'esordio-monstre di Timberlake logicamente nanizza la concorrenza. Che, muta, deve subire: il numero 2, che peraltro è anch'esso un esordio, "Same trailer different park" della 24enne cantante country Kacey Musgraves, infatti entra a distanze siderali: 43.000 copie, meno d'un ventesimo di quanto realizzato da Justin. Cifrette anche per il resto della parata statunitense. "Unorthodox jukebox" di Bruno Mars sale dal 5 al 3 con 41.000 pezzi smerciati, "Spring break" di Luke Bryan scende dal 3 al 4 con 38.000, chiude la Top 5 "The truth about love" di Pink che rimonta dall'undicesima tacca. I rimanenti: "Night visions" degli Imagine Dragons torna tra i primi dieci saltando dal 12 al 6; la regina della scorsa settimana, "What about now" dei Bon Jovi, ruzzola dal vertice
al settimo posto; rimbalza dal 59 all'8 (grazie ad una riedizione con CD bonus) la colonna di "Les misérables"; "Babel" dei Mumford & Sons rimane al 9; e infine "Unapologetic" di Rihanna chiude con 26.000 copie. Questa settimana le vendite di album negli USA sono cresciute del 9% nei confronti delle vendite dela scorsa settimana e aumentate dell'11% se raffrontate con le vendite della stessa comparabile settimana del 2012.
Consulta qui la USA Billboard Album Chart di questa settimana.
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.