EMI ci riprova: 'impronte digitali' sui brani contro la pirateria on-line

E' una società della Bay Area californiana, Audible Magic, il nuovo partner strategico con cui la major inglese cercherà di monitorare gli usi legali e illeciti della sua musica in rete: l'azienda della West Coast statunitense fornirà alla EMI una tecnologia di “fingerprinting” che consentirà alla casa discografica di riconoscere, grazie alla sua univoca impronta digitale (costruita sulla base del codice binario che lo contraddistingue), ogni brano del suo catalogo circolante sul Web. In questo modo la EMI spera di poter registrare con precisione tanto gli acquisti e i download da siti legali quanto i “passaggi” sulle radio on-line nonché di esercitare un'efficace azione di “polizia” nei confronti dello scambio illecito del repertorio attraverso servizi di file-sharing “pirata” come Grokster e KaZaA.
Dall'archivio di Rockol - Dieci oggetti feticcio del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.