Il ‘Washington Times’: e adesso Las Ketchup anche negli USA

Gli Stati Uniti erano finora rimasti immuni dalla contagiosissima “Aserejé”.

Inizialmente pareva che anche la Gran Bretagna fosse riuscita a respingere l’attacco delle tre sorelle, ma tre settimane fa l’isola ha capitolato ed ha assegnato alle figlie del Tomate la prima posizione. Ora tocca agli States. Il “Washington Times” afferma infatti che l’orecchiabilissimo tormentone delle Las Ketchup sta salendo anche nelle classifiche USA; forse non agguanterà il trono tra pochi giorni, ma zitto zitto si arrampica e guadagna posizioni. Il quotidiano inoltre ci consegna interessanti dati di vendita sulle sorelle Munoz: il singolo è giunto a due milioni e mezzo di copie, l’album che la contiene è per ora sui 900.000 pezzi. Da notare che negli USA, curiosamente, la canzone è stata intitolata “The Ketchup song (hey hah)”. Il giornale si chiede: ma sarà un fuoco di paglia? E subito si risponde: beh, ma dopotutto quale è stata la seconda canzone dei Los del Rio dopo “Macarena”? .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.