Il nuovo video e la nuova tournée degli Articolo 31

Una fila di sedie di legno vuote in un cinema deserto. Le immagini di un vecchio film muto degli anni ’20, che scorrono sullo schermo e si alternano a scene in cui protagonisti sono ora J.Ax. e una fanciulla bionda, ora una coppia di scolaretti, ora una donna accompagnata da un uomo tatuato e una classe di bambini tenuta da DJ Jad. Il tutto rigorosamente in bianco e nero. Così inizia il video de “La vita non è un film”, il terzo singolo degli Articolo 31 tratto dall’album “Domani smetto”, che porta la firma del regista emergente della commedia italiana Alessandro D’Alatri.
“Sono molto legato a questa canzone, che è molto diversa dalle solite degli Articolo 31”, racconta il cantante e autore J.Ax., “perché l’ho scritta qualche giorno dopo la morte di una persona a me molto cara. Per questo non volevo che fosse trattata come un pezzo normale e così, quando mi hanno proposto di affidare la realizzazione del video ad Alessandro D’Alatri, che è uno dei miei registi preferiti, ho accettato con molto entusiasmo”.
“Ho visto tutti i film di Alessandro e fin dall’inizio”, racconta l’artista, “ho avuto massima fiducia nel suo lavoro e nelle sue proposte”. E l’idea portante del regista di “Caso mai”, che l’anno scorso ha girato il video di Elisa “Heaven out of hell” (vedi News), è stata quella di realizzare un clip didattico (girato in un oratorio alle spalle di Porta Romana a Milano) che si limitasse a rappresentare la storia e le emozioni suggerite dal testo della canzone, adottando lo stile dei vecchi film muti.
“Il video musicale”, spiega il regista, “è una bella forma di linguaggio, molto affine, per certi aspetti, al cinema muto. Per questo, ho voluto trattare il video di ‘Non è un film’ come se fosse una pellicola muta degli anni ‘20, utilizzando il bianco e il nero e servendomi, addirittura, di una macchina da presa a manovella, per ottenere un effetto retrò, imperfetto, tipico di quei film”. Ma non è solo nelle scelte stilistiche e di regia che il video di D’Alatri si rifà al cinema muto italiano: nel clip ci sono alcune sequenze di un film degli anni ’20, “Dramma ignorato”, di Ghione. “E’ un film sconosciuto, che ho trovato negli archivi della Cineteca di Stato e della Scuola Nazionale di Cinema”, racconta il regista.
Il video di “La vita non è un film”, tuttavia, non è l’unica novità che è stata presentata oggi alla Best Sound, il quartier generale degli Articolo 31 e dei Gemelli diVersi: il prossimo 8 novembre, J.Ax e DJ Jad inizieranno all’ex-Palavobis di Milano la nuova tournée che prevede 18 date nei palazzetti.
“Questa è il primo tour da single che facciamo”, scherzano i due ragazzacci terribili, “Sul palco con noi ci saranno i ragazzi della band che ci accompagnano da quattro anni. Ogni concerto durerà due ore e proporremo le canzoni del nuovo album, i vecchi successi riarrangiati per l’occasione e diversi inediti. Inoltre, accanto a noi ci sarà anche un’inquietante presenza digitale, un personaggio a metà fra un mangiafuoco e un Caronte virtuale chiamato Karontium, risultato di dieci anni di errori di sistema e virus informatici. Ma sarà una sorpresa”. Tra pochi giorni, inoltre, sarà attivo anche il nuovo sito degli Articolo 31, dove sarà presente un forum moderato dallo stesso J.Ax.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.