Secondary ticketing, eBay indirizza i clienti britannici verso StubHub

Secondary ticketing, eBay indirizza i clienti britannici verso StubHub

La società di aste online eBay guarda con sempre maggiore interesse al mercato britannico (ed europeo) del secondary ticketing, la rivendita su Internet di biglietti che soprattutto nel Regno Unito sviluppa un grosso giro d'affari alimentando polemiche infinite tra addetti ai lavori ed esponenti delle istituzioni. Già a partire dal mese di gennaio, attraverso i risultati che emergono consultando il suo motore di ricerca, il sito ha iniziato a indirizzare gradualmente chi desidera comprare e vendere biglietti di "seconda mano" per concerti, spettacoli comici e teatrali, eventi sportivi ecc. verso la piattaforma specializzata di proprietà StubHub, aperta nel Regno Unito un anno fa e ora dotata di nuovi strumenti. Tutti gli utenti, infatti, hanno ora a disposizione un servizio quotidiano di customer service dalle 9 alle 21, mentre il software impiegato per gestire le transazioni include anche mappe dei posti disponibili e applicazioni per telefoni cellulari. Nel caso di eventi che hanno luogo in locali e impianti partner della società i biglietti nominativi originali vengono cancellati e riemessi col nome del nuovo titolare; vicino alle sedi degli eventi più importanti verranno inoltre istituiti punti vendita temporanei per l'acquisto di tagliandi "last minute". A partire da aprile, StubHub applicherà una commissione di vendita compresa tra il 12 e il 15 per cento incluse spese di spedizione, IVA ed eventuale commissione dovuta ai servizi di pagamento elettronico PayPal.

"StubHub è stato inaugurato nel Regno Unito nel marzo del 2012 e nel nostro primo anno di attività sul territorio abbiamo provato la validità del nostro modello offrendo a migliaia di appassionati un servizio di prim'ordine per accedere alla migliore offerta nel campo dello sport, della musica e dell'intrattenimento dal vivo", ha dichiarato la general manager della divisione Internazionale del gruppo Brigitte Ricou-Bellan. "Ora apriamo la nostra piattaforma specializzata ai venditori e compratori di eBay con un pacchetto di strumenti e servizi aggiuntivi che renderanno il processo più sicuro ed efficiente". "Non c'è dubbio che StubHub offra il modo migliore per acquistare e vendere biglietti online", ha aggiunto il VP Marketplaced di eBay Paul Newman. "Ci impegnamo a offrire ai clienti la miglior esperienza possibile e per questo motivo siamo convinti che questa sia la mossa giusta al momento giusto a vantaggio di chi acquista e vende biglietti nel Regno Unito". Se il modello avrà successo, hanno sottolineato i vertici della società, verrà sicuramente esportato anche in altri Paesi europei.

I siti di secondary ticketing, soprattutto nel Regno Unito, sono al centro di un infuocato dibattito, accusati di pratiche speculative a danno dei consumatori (e per questo sottoposti anche a vigilanza da parte delle autorità di polizia). Invisi a quasi tutti i promoter, hanno tuttavia incassato nelle ultime settimane l'avallo ufficiale di alcuni manager artistici e di organizzatori di concerti come Marcel Avram e AEG (che proprio con StubHub ha un accordo di partnership in corso negli Stati Uniti).

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.