PJ Bloom (Glee, CSI): 'Dovrebbero essere le etichette a pagare la musica in tv'

PJ Bloom (Glee, CSI): 'Dovrebbero essere le etichette a pagare la musica in tv'

PJ Bloom, supervisore musicale per conto di popolarissime serie televisive americane come "Glee" e "CSI:Miami", è una personalità eminente nel settore del "music licensing" e le sue recenti dichiarazioni a un convegno organizzato in Inghilterra dall'AIM (Association of Independent Music) stanno suscitando scalpore tra gli addetti ai lavori tanto che il settimanale Music Week ha subito organizzato un referendum online per sondare l'umore dei suoi lettori in materia.

In sostanza, Bloom ha detto che case discografiche, artisti ed editori musicali possono scordarsi le grandi cifre che si ricavavano un tempo dal collocamento di un brano musicale in televisione, a causa dei budget più risicati di emittenti e case di produzione televisiva ma non solo. "Le tariffe, negli anni, hanno preso a diminuire in maniera sistematica, e questo continuerà a succedere", ha detto Bloom prima di lanciare la sua previsione/provocazione. "A me sembra che le opportunità di esposizione potenziale siano immense, e mi verrebbe da dire che dovreste essere voi, detentori dei diritti musicali, a comprare i diritti di sincronizzazione, e che probabilmente in futuro lo farete".

Bloom prospetta dunque un modello di business rovesciato, in cui sono gli utilizzatori, e non i proprietari dei repertori musicali, a incassare per il "servizio" promozionale svolto. I lettori online di Music Week, in maggioranza, non sembrano essere dello stesso avviso: l'84 per cento la pensa in modo contrario a Bloom, e solo il 16 per cento appoggia la sua opinione.

Nel 2012 i diritti di pubblica esecuzione incassati dall'industria discografica per la diffusione di musica in tv, radio, Internet e locali pubblici sono cresciuti del 9,3 per cento, e oggi rappresentano il 6 per cento del fatturato globale del settore  (il 10 per cento circa in Europa e in America Latina).

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.