La mamma di Bjork è arrivata al decimo giorno di sciopero della fame

La mamma di Bjork è arrivata al decimo giorno di sciopero della fame
Hildur Runa Hauksdottir, la mamma di Bjork, è giunta al decimo giorno di sciopero della fame. La donna sta tentando di convincere la Alcoa, il maggior produttore mondiale di alluminio, ad abbandonare un suo progetto d'espansione nella zona del Vatnajokull, il ghiacciaio più grande d'Europa. Hildur ed altri ambientalisti sostengono che i nuovi impianti, i quali se istituiti potrebbero entrare a regime nel 2007 od ancor prima, sarebbero altamente inquinanti. La donna ce l'ha anche col governo islandese, il quale sarebbe interessato solo allo sfruttamento delle risorse naturali e non alla protezione dell'ambiente. La mamma della cantante si sostiene da dieci giorni unicamente sorbendo tè. Tè islandese, fatto con timo ed achillea.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.