Usa, rapporto EMI sui consumi musicali: 'La rivoluzione digitale è sovrastimata'

Usa, rapporto EMI sui consumi musicali: 'La rivoluzione digitale è sovrastimata'

Quattro anni di ricerche condotte dal dipartimento Global Insights della EMI raccogliendo dati, informazioni e feedback da oltre un milione di consumatori sembrerebbero dimostrare che media e addetti ai lavori stanno ancora sovrastimando l'impatto della "rivoluzione digitale".

La ricerca, presentata al SXSW 2013 in corso in questi giorni ad Austin da Chris Carey e Renato Granieri in collaborazione con il consulente indipendente Mark Mulligan, racconta infatti che negli Stati Uniti il 73 per cento dei consumatori non ha mai sentito parlare della "nuvola", il 68 per cento non conosce Shazam e il 67 per cento ignora cosa sia Spotify. "La maggior parte dei consumatori di musica", ha detto Mulligan, "sono creature che si muovono lentamente". Altri dati presentati nel panel erano invece già noti: ancora oggi il fatturato discografico è generato per due terzi da supporti fisici e la radio resta lo strumento di ascolto (e di scoperta musicale) preferito davanti a cd, siti video come YouTube, file Mp3, concerti e festival , video musicali in televisione, servizi di streaming e (buoni ultimi) i social network come Facebook e Twitter. "Se non si comprende che la radio è molto importante, si perde qualcosa", ha sottolineato Carey. "Noi pensiamo che lo streaming e le altre nuove dinamiche di mercato abbiano un potenziale enorme ma è ancora molto presto", ha aggiunto. "La cosa da tenere a mente è che non succederà tutto domani".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.