Joe Bonamassa esce dai Black Country Communion

Joe Bonamassa esce dai Black Country Communion

Fine dei giochi per Joe Bonamassa e i Black Country Communion. Il supergruppo formato nel 2010 dal chitarrista statunitense insieme a Glenn Hughes (Deep Purple e Black Sabbath), Jason Bonham (Led Zeppelin) e Derek Sherinian (Dream Theater) dopo la pubblicazione del suo terzo lavoro in studio, "Afterglow" del 2012, sarebbe arrivato al capolinea.

Secondo quanto riferito da Bonamassa a Premier Guitar infatti: "Per quanto mi riguarda il mio coinvolgimento con la band è giunto al termine, e vi spiego il perché: originariamente, l'ho fatto per gli stessi motivi per cui ho realizzato il progetto con Beth Hart e Rock Candy Funk Party. Era una scusa per suonare un tipo di musica differente che non suono di solito. I primi due album erano una bomba. 'E' una rock band dalla bravura devastante, Glenn è un cantante fantastico, semplicemente uno dei migliori' mi dicevo, ed ecco perché l'ho fatto. E poi ho passato nove settimane in tour nel 2011 ma seriamente, alla fine di tutto, non è stato affatto divertente. E non è perché non mi piacessero i ragazzi nella band, ma perché era troppo. Tutti erano davvero tesi e non è il modo in cui mi piace andare in tour. Ho una famiglia di 21 persone che porto con me ogni volta che parto in tournée, e se chiedi a ognuno di loro chi è stato quello che gli ha creato il minor numero di problemi, rispodono tutti che sono io. A meno che non manchi la Diet Coke… allora sarebbe un grandissimo guaio. Ma poi finisce che vado al suoermarket e me al compro da me, quindi..."

Il gran numero di progetti musicali che occupano Bonamassa inoltre sembrano aver influito negativamente sull'alchimia generale del gruppo, dal momento che il virtuoso delle sei corde ha un calendario fitto di impegni dal vivo. "In ogni caso non era più divertente per me. Tutte quelle cose che Glenn dice ai media, in sostanza che io sono la causa principale del fatto che la band non va in tour e che quindi non ha futuro. Sarebbe disonesto andare sul palco e far finta di divertirmi solo per compiacere gli altri membri. Semplicemente non sono il chitarrista giusto per questa band, ma sfortunatamente sembra che non ci sia un altro chitarrista in tutta Los Angeles che possano prendersi. Ci sono così tanti ragazzi che potrebbero prendere il mio posto e io sarei il primo a comprare il biglietto per assistere al concerto. In ogni caso questa è la mia storia. Non ne sono più coinvolto e ne sono felice, ma sono anche felice dell'eredità che ho lasciato alla band e dei dischi che abbiamo fatto. Sono stati tre anni grandiosi per me".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.