Mary J. Blige e P.Diddy di nuovo ‘insieme’

La regina dell’hip-hop, Mary J.Blige, e uno dei produttori e rapper più chiacchierati di New York, Sean “Diddy” Combs, meglio conosciuto come Puff Daddy, torneranno a lavorare insieme.
Il rapper, che 10 anni fa lavorò al primo album della cantante intitolato “What’s the 411?”, sarà infatti il produttore del nuovo disco della Blige, e dovrà confrontarsi con il successo ottenuto dal precedente lavoro, “No more drama”, prodotto da Babyface e Terry Lewis (vedi News).
I due s’incontrarono la prima volta agli inizi degli anni ’90, quando P. Diddy era ancora uno sconosciuto manager dell’etichetta Up Records e la futura “Queen” era una voce emergente, scoperta a cantare in un karaoke di un quartiere di periferia.
Stando a quanto dichiarato da una portavoce dell’attuale etichetta di Mary J.Blige, la MCA, il nuovo disco dovrebbe essere pronto per la prossima primavera.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.