UK, la musica più piratata di tv, film, giochi, software e e-book messi insieme

A dispetto delle vittorie conseguite negli ultimi anni contro cyberlocker illegali e piattaforme di file sharing, l'industria musicale è lontana dall'aver concluso la sua battaglia contro la pirateria: tanto che, secondo i dati raccolti in una nuova ricerca compilata dall'authority britannica delle comunicazioni Ofcom, la quantità delle violazioni di copyright musicali commesse nel terzo trimestre 2012 risulta ancora nettamente maggiore di quella che riguarda complessivamente televisione, cinema, videogiochi, software ed e-book.

Il rapporto sul file sharing nel Regno Unito, giunto al secondo episodio e intitolato "Wave 2", si basa su un sondaggio di 5.500 utenti Internet e calcola che il 10 per cento del campione abbia utilizzato illegalmente musica in rete scambiandosi nel trimestre 297 milioni di file "pirata". Un numero maggiore, dunque, di quelli complessivamente individuati per programmi tv (56 milioni di file), film (44 milioni), videogiochi (35 milioni), software per computer (27 milioni) e libri in formato elettronico (8 milioni). Tra l'agosto e l'ottobre del 2012 il 16 per cento degli utenti internet britannici dai dodici anni in su avrebbe avuto accesso almeno a un contenuto illegale, mentre il 5 per cento avrebbe consumato solo prodotti pirata. In base alle risposte fornite ai sondaggisti, i contenuti illegali vengono ricercati per la loro gratuità (50 per cento del campione), per la praticità d'uso (46 per cento) e per la velocità di accesso (43 per cento), mentre solo il 26 per cento degli intervistati dichiara di utilizzarli come test prima di decidersi eventualmente all'acquisto della versione legale. Sorprendente, infine, il fatto che rispetto ai tempi di pubblicazione di "Wave 1" la consapevolezza del pubblico rispetto a cosa sia legale o illegale fare in rete sia scesa dal 44 al 41 per cento.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.