Streaming, in Italia arriva anche Rdio

Streaming, in Italia arriva anche Rdio

A poche settimane dal debutto di Spotify anche Rdio approda sul mercato italiano, oltre che in Austria, Irlanda, Islanda, Lettonia, Lituania e Messico. Il servizio di streaming fondato nel 2010 dal danese Janus Friis e dallo svedese Niklas Zennström (ideatori di KaZaA, Skype e Joost), era già presente in 17 Paesi e offre un catalogo di 18 milioni di brani (anche in questo caso sussistono limitazioni territoriali; mancano Beatles, Led Zeppelin e AC/DC ma c'è l'intero catalogo dei Pink Floyd) "navigabile"  in prova gratuita e senza pubblicità per i primi sei mesi, 14 giorni nella versione mobile accessibile dallo smartphone o dal tablet. Analogamente al concorrente svedese, la piattaforma punta su funzioni "social" che consentono di condividere i propri ascolti via Twitter e Facebook, di seguire l'attività online di amici e tastemakers e di ascoltare playlist curate da esperti. Lo streaming senza limiti via Web costa 4,99 dollari (o euro) al mese, quello esteso al telefonino anche per l'ascolto in modalità offline 9,99 dollari (euro). L'accesso avviene direttamente  via browser (Chrome, Explorer, Firefox, Safari) senza bisogno di scaricare software aggiuntivi come avviene invece per Spotify. 

"Rdio è il miglior prodotto sul mercato per scoprire musica, e continueremo a migliorare tale esperienza di scoperta sviluppando strumenti più intelligenti che facciano emergere in superficie gli artisti e le canzoni amate dai nostri utenti", ha dichiarato in un comunicato l'amministratore delegato della società Drew Larner. "Aprendo il nostro circolo sociale a sette nuovi mercati internazionali facciamo di Rdio un sistema sempre più globale per riprodurre, scoprire e condividere musica".

Lo staff di Rdio, come noto, sta lavorando anche a una versione video del servizio, Vdio, che il responsabile engineering della società Todd Berman ha descritto come un'offerta "consorella" e complementare a quella musicale.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.