Il Fatto Quotidiano: nel 2010 una cosca cercò un contatto con Live Nation

Il Fatto Quotidiano: nel 2010 una cosca cercò un contatto con Live Nation

In un articolo del Fatto Quotidiano firmato da Davide Milosa si riferisce di un incontro che nel 2010 avrebbe visto protagonisti Giuseppe Mancuso, figlio di Pantaleone, padrino di ‘ndrangheta e capo assoluto del comune di Limbadi in provincia di Vibo Valentia, Filippo Mondella, figlio di Antonino, ritenuto un referente del clan in Brianza, l'imprenditore Nicola Castagna e Luigi Pisciottano (già amministratore della Sud Concerti, società sciolta e per il fallimento della quale lo scorso 9 gennaio per lo stesso Pisciottano, insieme all'ex socio Nicola Fiarè, il pm Santi Cutroneo ha chiesto un rinvio a giudizio per bancarotta fraudolenta), entrambi ritenuti vicini ai Mancuso, e Riccardo Genovese, in forze (non è specificato se come dipendente o come collaboratore esterno) alla filiale italiana di Live Nation. Secondo la ricostruzione del quotidiano fondato da Antonio Padellaro, basata su intercettazioni e documenti fotografici raccolti dagli inquirenti nell'ambito di un inchiesta non ancora conclusa (e che, comunque, non vedrebbe Live Nation coinvolta penalmente), la riunione - tenutasi presso gli uffici milanesi della multinazionale - avrebbe avuto come scopo quello di introdurre la criminalità organizzata nel businness della musica dal vivo. Secondo una nota dei Carabinieri riportata dal Fatto l'incontro avrebbe avuto un esito: "Si registra una prima conferma che l’incontro di lavoro, presso la Live Nation Srl, è andato a buon fine. Nicola Castagna, conversando con una conoscente le riferisce di aver 'preso' il concerto del noto cantante Nek”.

L'inchiesta del quotidiano di via Valadier inquadra questa mossa di Mancuso come solo una parte di una più ampia strategia di investimenti nel nord Italia, nella quale sarebbero coinvolte altre aziende di alto profilo.

Rockol ha raggiunto telefonicamente Roberto De Luca, patron di Live Nation, per chiedergli un commento sull'articolo del Fatto. De Luca non ne era informato, e dopo aver espresso il suo rincrescimento nel vedere il nome della società associato a fatti criminosi ci ha assicurato che lunedì, dopo aver effettuato tutte le possibili verifiche su quanto riportato dal quotidiano, Live Nation diffonderà un comunicato ufficiale.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.