Verizon e le major: fuori dalla porta, dentro dalla finestra

Nell'imprevedibile mondo della musica digitale capita anche questo: Verizon, l’Internet service provider che le case discografiche americane hanno portato in tribunale perché si rifiuta di svelare le generalità di un utente particolarmente attivo nello scambio non autorizzato di file musicali (vedi news), ha appena firmato un accordo di collaborazione con Listen.com, la Web company indipendente a cui le stesse major stanno fornendo cataloghi e repertori per la piattaforma on-line Rhapsody. In altre parole: Verizon Online usufruirà dei prodotti dei suoi oppositori in tribunale per un servizio di streaming musicale indirizzato al milione e mezzo di abbonati che utilizzano connessioni DSL ad alta velocità, disponibile al costo di 10 dollari al mese (dopo un test gratuito e promozionale della durata di un mese).
Come gli altri utenti di Rhapsody, i clienti di Verizon potranno scegliere nel menù di 230 mila brani regolarmente licenziati al servizio, decidendo se ascoltare album per intero, programmi preconfezionati di “radio on-line” o playlist create personalmente (queste ultime possono anche essere condivise e scambiate tra più utenti). Le major, in questo momento, ne avrebbero forse fatto a meno.
Dall'archivio di Rockol - Dieci oggetti feticcio del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.