Comunicato Stampa: Gli Scurvy Brothers celebrano The Nightfly di Donald Fagen

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

Gli Scurvy Brothers celebrano The Nightfly di Donald Fagen al Big Mama di Roma

La cover band dedicata agli Steely Dan torna ad esibirsi dal vivo, con un inedito tributo all’album “The Nightfly” di Donald Fagen, che proprio quest’anno festeggia il ventennale. L’appuntamento è per l’1, 2 e 3 Novembre al Big Mama di Roma.
“The Nightfly” è uno degli evergreen della musica rock. Un lavoro, realizzato nel lontano 1982 dal leader degli Steely Dan, Donald Fagen, e che ha influenzato e continua ad influenzare tantissimi artisti. Un vero e proprio must che quest’anno celebra il ventennale. Proprio in occasione di questo evento gli Scurvy Brothers, l’unica cover band italiana, dedicata alla musica di Walter Becker e Donald Fagen (ovvero gli Steely Dan), tornano ad esibirsi con un nuovo tributo, incentrato prevalentemente sul capolavoro di Fagen, pubblicato dalla casa discografica Warner Bros (WEA). L’appuntamento è per l’1, 2 e 3 Novembre al Big Mama di Roma: tre serate in cui la formazione composta da Claudio Pantaleone (voce), Lucrezio De Seta (batteria), Stefania Calandra, Pierpaolo Borgia (chitarra), Lello Panico (chitarra), Francesco Puglisi (basso), Saverio Capo (basso), Enrico Solazzo (tastiere) e Alessandro Gwis (pianoforte) presenterà l’intera scaletta di “The Nightfly”. Sarà dunque un’occasione per riascoltare dal vivo i mitici 8 brani “I.G.Y.”, “Green Flower Street”, “Ruby Baby”, “Maxine” (unico brano non firmato da Fagen, ma dalla premiata ditta Leiber & Stoller), “New Frontier”, “The Nightfly”, “The Goodbye Look” e “Walk Beetween Raindrops”. Ma non mancheranno anche i successi degli Steely Dan come “Do It Again”, “Black Cow”, “Babylon Sisters”, “Green Earrings”, “Deacon Blues” e “Josie”. Ricordiamo che gli Scurvy Brothers sono presenti con la cover di “Do It Again” nella compilation “Fan Club On Tour”. Il batterista Lucrezio De Seta, sempre più attivo come sessionman (ricordiamo i lavori per Alex Britti, Mercurio, Alessandro Safina e molti altri) è stato intervistato dal portale Planet Drum, uno dei principali siti on line dedicati al mondo delle percussioni.
Per informazioni sui concerti tributo, che si svolgeranno al Big Mama (in Vicolo del Fico a Roma, zona Trastevere), consultate il sito del locale, le pagine Web dedicate agli Scurvy Brothers oppure inviate una e-mail a terzomando@inwind.it

Scrurvy Brothers
www.geocities.com/terzomando

Scurvy Brothers su Fanzine.net
www.fanzine.net/fanclubs/scurvybrothers
Intervista a Lucrezio De Seta su Planet-Drum
www.planet-drum.com
Big Mama
www.bigmama.it
Dall'archivio di Rockol - Artisti che odiano i loro successi: 11 casi da manuale
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.