Dylan, Joel, Taylor: a suon di carte bollate contro Vivendi e MP3.com

Dylan, Joel, Taylor: a suon di carte bollate contro Vivendi e MP3.com
I tre popolarissimi e stimatissimi cantautori rinfocolano una battaglia che sembrava sopita, nel turbolento ed effimero mondo della musica on-line, riportando all’attenzione delle cronache giudiziarie un vecchio spauracchio e nemico giurato dell’industria discografica: MP3.com, uno dei primi siti in assoluto ad offrire agli utenti on-line la possibilità di scegliere la musica da ascoltare su Internet dopo averla trasportata sul Web usando il proprio personal computer e i software messi a disposizione dalla società.
La mancanza di autorizzazioni da parte di etichette discografiche ed editori musicali era costata cara alla net company americana, che per comporre le vertenze al di fuori delle aule dei tribunali dovette pagare complessivamente circa 175 milioni di dollari alle major della discografia (vedi news): una delle quali, Vivendi Universal, andò oltre, accaparrandosela per circa 372 milioni di dollari con l’intenzione di trasformarla in un servizio perfettamente legalizzato di distribuzione musicale on-line. Ma Bob Dylan, Billy Joel e James Taylor non la pensano evidentemente così, e rivolgono a MP3.com l’accusa di sempre: il sito avrebbe copiato illegalmente il contenuto dei loro ultimi CD per poi diffonderlo senza autorizzazione in rete, e per questo va fermato e multato. Che tutti e tre gli artisti siano legati contrattualmente alla Sony Music, socio d'affari di Vivendi Universal nella piattaforma on-line Pressplay, evidentemente non fa alcuna differenza.
Dall'archivio di Rockol - La storia di “The freewheelin’ Bob Dylan” di Bob Dylan
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.