Streaming, Warner Music la prima a firmare con Google per i nuovi servizi

Streaming, Warner Music la prima a firmare con Google per i nuovi servizi

I progetti di Google sul fronte dello streaming musicale fanno importanti passi avanti: la società di Mountain View, secondo le informazioni raccolte da Billboard.biz, starebbe lavorando non a uno ma a due servizi diversi che dovrebbero debuttare in estate (uno integrato a YouTube, l'altro nella piattaforma Google Play che oggi vende download come iTunes e offre un servizio "scan and match" per accedere da qualunque dispositivo alla propria collezione musicale archiviata sulla "nuvola") e avrebbe già firmato accordi di licenza con Warner Music.

Dalla casa discografica (ultima major a firmare un contratto con Google per la vendita di download) nessun commento, mentre un portavoce di YouTube ha ammesso in un comunicato che " ci sono alcuni creatori di contenuti che pensano di poter trarre beneficio dalla disponibilità di una fonte di ricavi legata agli abbonamenti oltre che alle inserzioni pubblicitarie, e questa è un'ipotesi che stiamo valutando".

Google, intanto, sarebbe nel pieno delle trattative anche con Universal, Sony Music e altre case discografiche per perfezionare gli altri necessari accordi di licenza. Rispetto ai tanti concorrenti (tra cui Rhapsody, Muve Music, Slacker, Samsung Music Hub, Sony Music Unlimited, il leader di mercato Spotify e, prossimamente, il nuovo MOG rilanciato da Beats Electronics col nome di Daisy), fa notare Billboard.biz, il colosso californiano dispone di due assi nella manica, YouTube e Android. La piattaforma video conta infatti su 800 milioni di utenti unici al mese (a cui, almeno stando ai piani attuali, Google offrirebbe un'opzione di streaming audio gratuito pagato dalla pubblicità) mentre il suo sistema operativo è incorporato nel 68,4 per cento degli smartphone venduti nel mondo nel corso del 2012.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.