L’assassino di John Lennon chiede d’essere scarcerato

L’assassino di John Lennon chiede d’essere scarcerato

Mark David Chapman, l’uomo che nel 1980 a New York freddò John Lennon, ha chiesto nuovamente d’essere messo in libertà.

Non si sa se per coincidenza temporale, oppure se per puro cattivo gusto, l’uomo, 47 anni, ha avanzato la sua richiesta il giorno prima di quello che sarebbe stato il sessantaduesimo compleanno dell’ex Beatle. Chapman venne condannato all’ergastolo per l’omicidio, ma questa è già la seconda volta che tenta la strada della scarcerazione anticipata. Nel 2000 Yoko Ono, la vedova del musicista ucciso, riferì alla corte che non si sarebbe sentita sicura con Chapman nuovamente in libertà. Nei giorni scorsi il potente tabloid britannico “The Sun” ha messo in piedi una campagna per chiedere che Chapman sia “lasciato dentro a marcire”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.