EMI & Robbie: chi ci guadagna (e chi ci perde)?

EMI & Robbie: chi ci guadagna (e chi ci perde)?
Un accordo rivoluzionario, una partnership a tutto campo, un salto in avanti nel modo di intendere i rapporti tra artista e casa discografica: così è stato salutato, dagli interessati e da alcuni osservatori attenti del mercato, il principesco rinnovo contrattuale siglato tra EMI e Robbie Williams, di cui è stata data conferma ufficiale mercoledì scorso, 2 ottobre (vedi news).
Il “big deal”, al di là degli aspetti monetari e delle cifre-record sottolineate dai quotidiani, contiene in sé, in effetti, molti elementi innovativi e interessanti. Per blindare a lungo termine (sei album) l’ex Take That, una delle rarissime pop star dell’ultima (o penultima) generazione che sembri dar garanzie di longevità artistica, la major britannica ha versato il sangue (i “rumours” parlano di un anticipo nell’ordine dei 50 milioni di dollari e di un’operazione del valore complessivo di 125 milioni di dollari: somme obiettivamente da capogiro). Ma in cambio, per la prima volta, potrà avanzare pretese ben oltre la fetta, sempre più smilza, degli introiti legati alle vendite dei dischi: spartendosi con il suo golden boy i fatturati derivanti dai concerti, dal merchandising, dalle edizioni musicali, dai progetti cinematografici e televisivi (il vero business musicale di oggi e soprattutto di domani, insomma: se non interverranno altri sconvolgimenti imprevedibili….).
La EMI, insomma, rischia grosso, ma forse lo fa a ragion veduta. E fa anche una precisa scelta di campo, condivisibile magari in base a strette logiche aziendali, ma che lascia qualche interrogativo in sospeso se si allarga il raggio di osservazione. Le major, e la EMI tra queste, non hanno a disposizione un pozzo senza fondo di denaro da spendere, di questi tempi: la casa britannica ha deciso di puntarne una grossa fetta su Williams. Spregiudicati e esperti come sono, Alain Levy e David Munns (la coppia di vertice della società) hanno probabilmente fiutato l’affare. E hanno pensato a dar lustro alla loro casa discografica, a conservarne la market share, a far contenti gli azionisti.
Ma che succederà, alla EMI e alle sue rivali-colleghe multinazionali, se questo dovesse essere l’andazzo che prevarrà in futuro? Punteranno su un cavallo solo, legandosi mani e piedi a una (o due, o tre) superstar di livello planetario (cosa che Williams, tra l’altro, non è ancora: gli Stati Uniti, il maggiore mercato del mondo, sono per lui ancora un territorio vergine)?. Potrebbe essere una mossa vincente, quella della EMI. E, come dice il presidente inglese della major Tony Wadsworth, “Di Robbie Williams c’è n’è uno solo. Ma intanto che ne sarà nel frattempo delle tanto declamate spese di ricerca e sviluppo, destinate a scovare i nuovi talenti? E quanti altri artisti ne faranno le spese?
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.