Vendite Universal: ceduti a Sony i diritti EMI sulle compilation 'Now' in Europa

Vendite Universal: ceduti a Sony i diritti EMI sulle compilation 'Now' in Europa

Confermata dai vertici della francese Vivendi in occasione della presentazione dei risultati dell'ultimo esercizio finanziario, la cessione dei diritti EMI in Europa sul marchio "Now That's What I Call Music!" (collana di compilation di enorme successo internazionale) attende solo il benestare dell'antitrust.

Universal venderà la quota EMI di "Now!" nei paesi del Vecchio Continente a Sony Music, conservando i suoi diritti preesistenti in Europa ed ereditando dalla stessa EMI quelli che coprono i territori extraeuropei. "A fianco delle nostre altre precedenti transazioni, questa vendita non solo soddisfa gli accordi presi con la Commissione Europea ma dimostra ulteriormente il plusvalore economico che siamo staci capaci di generare attraverso il disinvestimento mirato di asset di qualità", ha commentato il presidente e amministratore delegato di Universal Music Group International Max Hole. "Siamo anche lieti di associarci a Sony, una società che riconosce l'importanza culturale di questa duratura istituzione britannica". "Now! è uno dei marchi più popolari e di maggior successo del mondo musicale", ha riconosciuto da parte sua il presidente e amministratore delegato di Sony Music International Edgar Berger, dicendosi pronto a "collaborare con Universal Music e i nostri altri partner nel settore per scrivere il prossimo capitolo della sua storia".

La collana "Now That's What I Call Music!" è nata in Europa nel lontano 1983 e contraddistingue compilation dedicate ai maggiori successi del momento. Da allora ha venduto oltre 84 milioni di copie nel Regno Unito e più di 200 milioni nel mondo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.