I Cradle of Filth banditi dalla Cina

I Cradle of Filth banditi dalla Cina

Gli inglesi Cradle of Filth - che certo non vanno giù leggeri a livello di immagine, con un look molto orrorifico e teatrale di stampo gotico-sepolcrale, oltre a proporre un peculiare black metal sinfonico - hanno incontrato sul proprio percorso la mannaia della censura del governo cinese.

Stando a un comunicato diffuso dalla band, infatti, il concerto previsto per il prossimo 30 aprile alla MAO Live House di Shang Hai (Cina, ovviamente) è stato cancellato per l'intervento del ministero per la cultura e sarà tenuto, invece, a Hong Kong nello stesso giorno. "Sfortunatamente, al momento, il ministero della cultura del governo cinese ha deciso che i Cradle of Filth sono inadatti a suonare in Cina", scrive il gruppo, "quindi siamo banditi dall'esibirci laggiù".

Per i Cradle of Filth non è una novità, comunque: la loro attitudine estrema e il gusto per la provocazione li ha fatti entrare più volte nel mirino della censura, anche di paesi occidentali. Ad esempio la loro famosa maglietta che ritrae una suora intenta in pratiche autoerotiche con un crocifisso è stata bandita in Nuova Zelanda - dove alcuni fan che la indossavano sono stati denunciati e hanno affrontato processi. Inoltre nel 2006, negli USA, fu bandita la copertina dell'album "Thornography", un'immagine che ritrae una giovane donna con in grembo la testa mozzata e sanguinante di Gesù Cristo - il cui corpo decapitato si intravede ancora inchiodato alla croce, sullo sfondo.



Contenuto non disponibile

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.